Su di noi

Peter Hvidberg, e alcuni suoi amici hanno fondato la società American Sports Outlet in Danimarca nel 1999. L'idea è nata dall'insoddisfazione verso i venditori esistenti, che caricavano fino a 1000 euro per un set di attrezzature e offrivano un servizio clienti molto misero - ciò doveva cambiare! E così alcuni imprenditori entusiasti sapevano di poter fare di meglio. Dopo un anno Peter ha acquistato la società al 100%.

I primi giorni Peter ha conservato le attrezzature della società nel suo seminterrato e impilato le scarpe sul piccolo balcone del suo appartamento. In seguito ha affittato a 16m³ di auto-deposito, dove erano accatastati spalline e caschi dal pavimento fino al soffitto. Ora, dieci anni dopo, il principale magazzino di American Sports Outlet di 700m² e uno showroom pulito e ben illuminato di 250m², presentano i loro prodotti ai clienti.

La crescita della società ha rispecchiato la crescita del Football Americano in Danimarca. Da 400 calciatori di football registrati nel 2000, la Federazione danese di Football Americano oggi vanta quasi 5000 soci. E l'American Sports Outlet è orgogliosa di dire di aver contribuito a questo aumento, attraverso la fornitura di attrezzature di qualità e il servizio a prezzi molto ragionevoli.

La persona dietro al business

Peter 'Burger' Hvidberg è prima di tutto un appassionato di calcio. Ha avuto una storica carriera nel football con gli Herlev Rebels e la squadra nazionale danese; infatti, ha contribuito a fondare il Rebels ballclub nel 1989. L'allora diciassettenne pioniere trovò uno sport che avrebbe cambiato la sua vita:

  • “Lo sport mi ha salvato da un ambiente aspro e pericoloso in cui vivevo a quel tempo”, Peter ricorda.
  • “Invece di correre per le strade, avevo uno spirito di squadra, una squadra unita, qualcosa per cui combattere. Il football mi ha aiutato moltissimo.”

Da allora Peter Hvidberg è stato impegnato al 100% nello sport, in campo era un attaccante tenace, temuto dai suoi avversari. Ma era anche un compagno di squadra fedele e di sostegno che non ha mai perso un allenamento, e la sua lealtà ed impegno sono ora rivolti ai clienti di American Sports Outlets.

Possedere e lavorare con l'American Sports Outlet è davvero un atto d'amore per Peter, e lui è sempre più coinvolto giorno per giorno nelle attività dell'azienda. Se chiamate l'Outlet, è probabile che Peter e sua moglie Lisa, che è anche una parte importante della società, risponderanno al telefono, e gestiranno subito le vostre richieste o problemi. Ciò garantisce un trattamento onesto e qualificato da parte di un calciatore con 20 anni di esperienza. Il suo coinvolgimento personale non è una necessità economica, come lo era una volta, è più una rappresentazione dell'apprezzamento e dell'amore di Peter per la comunità calcistica.

Valori dell'Azienda

Buon servizio e Comunicazione diretta e onesta, sono i due valori principali per l'American Sports Outlet. è l'ambizione della società di avere un rapporto confidenziale ed amichevole con i clienti.

Ciò si riflette nei prezzi della società, nel garantire aspettative realistiche tra acquirente e venditore e, in caso di reclami, nella restituzione degli acquisti.

Inoltre l'American Sports Outlet ritiene che il business e lo sviluppo dello sport vanno di pari passo. Pertanto l'azienda ha investito e sostenuto la creazione di comunità di calcio basati sul web, attività diurne di esordienti per attirare nuovi giocatori e benefici percentuali per i club.

Il nostro obiettivo è di far crescere il football americano in Europa.

Peter riguardo al football

Un ricordo preferito come giocatore?

Giocare nella squadra nazionale. Sentire lo spirito di squadra con i migliori giocatori del paese, quello era davero unico.

Un ricordo preferito come fan?

Guardare il mio primo gioco del college, Kansas State contro Missou Tigers, credo. Ero a 50 yard e l'atmosfera era da pazzi. Ha battuto tutti i giochi NFL che avevo visto fino a quel momento.

Squadra preferita?

Io sono un fan dei Redskins. Una scelta naturale per un attaccante che idolatrava gli Hogs.

Giocatore preferito?

Ce ne sono molti. Lawrence Taylor era pazzo, come cambiava da solo il modo in cui si giocava la partita. Deve essere lassù. Ma avere incontrato personalmente Armani Toomer, sono diventato anche un suo grande fan. Lui è una persona incredibilmente gentile e con i piedi per terra.